Assoluti di nuoto, splendido oro per Giulia Verona

Pin It

Dai campionati italiani assoluti marchiati UnpolSai in corso di svolgimento nella vasca di Riccione arriva la prima meravigliosa notizia: Giulia Verona vince, o meglio, stravince i 200 metri Rana, confermando la sua costante crescita di questi ultimi anni.

 

La cremonese, classe 1999, tesserata per SMGM Team Nuoto Lombardia, domina fin dall’inizio in quella che è la sua gara preferita, dimostrando non solo di non essere più una sorpresa, ma anche e soprattutto di essere atleta di razza, capace di gestire in maniera impeccabile le quattro vasche.

 

Qualificatasi alla finale con il miglior tempo, Giulia scatta dalla corsia 4 portandosi immediatamente in testa dopo i primi 50 metri (33”15), unica insieme ad Ilaria Scarcella a stare sotto il muro dei 34”; la seconda vasca la vede ancora più veloce di tutte le avversarie (36”95), con la sola Scarcella che cerca di non perdere troppo terreno dalla scatenata Verona, che vira ai 100 metri con un ottimo 1’10”10.

 

Nella seconda parte di gara Giulia compie il suo vero capolavoro: mentre le altre finaliste accusano la fatica lei continua a spingere, nuotando in maniera fluida e senza alcun cedimento arriva alla virata dei 150 metri in 1’47”49 (37”39 di parziale) con un secondo abbondante di margine sulla seconda, per poi lanciarsi nell’ultima vasca, nuotata in 38”32 che la porta al meritatissimo trionfo con quasi tre secondi di vantaggio sulla seconda classificata.

 

Clamoroso il tempo finale di 2’25”81, di gran lunga il suo migliore di sempre; grandissima dimostrazione di forza per Giulia, che corona il suo percorso di crescita costante e premia tutti gli sforzi ed i sacrifici fatti in tanti anni di allenamenti mettendosi alle spalle gente del calibro di Ilaria Scarcella e Giulia De Ascentis, atlete già entrate nel giro della nazionale maggiore.

 

Il tempo fissato dalla federazione per poter partecipare ai Mondiali di Budapest di questa estate è 2’24”69, un secondo abbondante più basso di quanto fatto segnare dalla cremonese a Riccione; ora Giulia avrà a disposizione due mesi per preparare al meglio gli Internazionali di Roma (Trofeo Settecolli), ultimo appuntamento utile per puntare ad una storica qualificazione iridata.

 

Un pizzico di rammarico invece per Vanessa Cavagnoli; l’atleta baldesina era reduce da un infortunio al ginocchio che ne ha minato la preparazione.

Vanessa chiude i suoi 200 Rana in 2’40”01, tempo lontano dai suoi standard che la inserisce al 24° posto in graduatoria, anche se poi è terza se si considera l’anno di nascita e la categoria (Vanessa è ancora Juniores ndr).

 

cavagnoli.JPG

Commenta l’allenatrice Anna PecchiniVanessa purtroppo ha patito un serio infortunio nella fase più importante della stagione, non riusciva a compiere perfettamente il movimento del ginocchio che nella rana è fondamentale e la preparazione ne ha risentito. I 200 erano la gara più difficile perché le gambe devono caricare al massimo, ora ci sono ancora i 50 ed i 100 in cui Vanessa potrà esprimersi meglio”.