Ennesima rimonta incompiuta per un Pizzi che ha smarrito la via della vittoria

Pin It

Prosegue il momento no per la Mazzoleni Pizzighettone che, tornata sul parquet amico dopo due trasferte consecutive, ne esce sconfitta per mano di Cernusco; i milanesi sono la grande rivelazione del campionato, alla quarta vittoria consecutiva ed ora saldamente al secondo posto in graduatoria in attesa del risultato di Lumezzane.

 

DSC_1002 (800x533).jpg

 

Il Pizzi recupera finalmente Luca Casali, mvp morale del match, e schiera regolarmente Emanuele Gerli, vittima di un virus influenzale che lo ha molto debilitato in settimana; starting five classico quindi per coach Sabbia, che manda in campo Foti-Pedrini-Casali-Presentazi-Gerli, mentre coach Gandini si affida a Beretta-De Conto-Mercante-Antelli-Guffanti.

 

Partono bene le due squadre che mantengono un punteggio equilibrato, Cernusco prova l’allungo con Mercante che porta i suoi sul +3; Manini da due e Pedrini dalla lunga ribaltano il punteggio, Severgnini prova a dare un altro strappo ancora con una bomba ma sul finire del quarto Mercante subisce fallo sul tentativo di tripla, infila tutti e tre i liberi a disposizione ed il parziale si chiude sul 18-14 per i padroni di casa.

 

DSC_1004 (800x534).jpg

 

Alla ripresa delle ostilità si presenta solo Cernusco; Pizzi in bambola ed ospiti che volano sulle ali di Sirtori e Zanchetta, confezionando un micidiale parziale da 12-2 che vale il 20-26.

 

Presentazi muove il tabellone da tre punti riportando i suoi a contatto, ma è solo una fiammata, gli ospiti continuano a macinare gioco, Riva prima e Gorla poi non sbagliano dall’arco ed all’intervallo lungo il tabellone dice 39-31 per i biancorossi.

 

DSC_1008 (800x504).jpg

 

Terza frazione che segue il trend del match, Manini parte forte ma ben presto Cernusco rimette ordine spostando nuovamente l’inerzia nelle proprie mani; Mercante e Guffanti risultano un rebus di difficile soluzione per gli uomini di coach Sabbia che non trovano le adeguate contromisure ed il vantaggio ospite regge senza problemi.

 

DSC_1009 (800x543).jpg

 

Presentazi dalla lunetta fa 2/2 portando i suoi sul -7; sul cronometro restano da giocare sette decimi di secondo ed è lì che succede l’impensabile: rimessa Cernusco per Riva che riceve, si gira e tira dalla sua area prima del suono della sirena mandando a segno un incredibile canestro che ammutolisce il pubblico sugli spalti.

 

Resta qualche dubbio sull’effettiva validità del canestro: il tiro è sì stato scoccato prima del suono della sirena, ciò che lascia più perplessi è la tempistica dell’azione perché ricezione, giro e tiro sono movimenti che è difficile effettuare in un lasso di tempo minimo come quello a disposizione degli ospiti.

 

DSC_1011 (800x530).jpg

 

Il quarto parziale vede ancora Cernusco protagonista con un 5-0 di parziale che fa sprofondare la Mazzoleni a -15; quando la partita sembra ormai ben indirizzata, ecco la reazione dei padroni di casa che nel momento peggiore si ritrovano ed iniziano ad ingranare.

 

Foti, Manini e Casali azzannano Cernusco e ricuciono lo strappo fino al -1 a 45 secondi dalla fine; finale vietato ai deboli di cuore, gli ospiti a 5 secondi dalla sirena si riportano avanti di tre punti (75-72) ma commettono un errore capitale, ovvero fare fallo sul tentativo dalla lunga di Pedrini.

 

DSC_1013 (800x533).jpg

 

Tre liberi a disposizione del lungo biancoblu, che però ne manda a bersaglio solo due, si ricorre immediatamente al fallo ma ovviamente la palla è in mano a Mercante; clamorosamente il numero 7 biancorosso fa 1/2, restano due secondi da giocare, Manini prova la preghiera da lontanissimo ma il canestro gli dice no e la partita si chiude sul 76-74 per Cernusco.

 

DSC_1015 (800x566).jpg

 

Ennesima rimonta incompiuta dunque per una Mazzoleni che purtroppo tra le sue sconfitte ne conta troppe maturate in questo modo; occorre analizzare e capire perché spesso questa squadra permette agli avversari di prendere vantaggi anche consistenti per poi trovarsi ad impiegare notevoli energie fisiche e mentali in rimonte epiche ma che si fermano sul più bello.

 

Tra le note liete c’è sicuramente il ritorno in campo di Luca Casali e che ritorno: 22 punti, 10 falli subiti (doppia doppia insolita), 50% dal campo, 67% ai liberi, 7 rimbalzi, 6 palle recuperate e 4 assist sono numeri da capogiro che gli valgono un eccellente 35 di valutazione (scavalcato il 33 di Fabrizio Foti contro Lumezzane). 

 

Pizzighettone 74
Cernusco 76
Parziali: 18-14 / 31-39 / 49-59 / 74-76

PIZZIGHETTONE: Foti 6, Roberti 4, Pedrini 11, Bertuzzi, Severgnini 7, Alchieri ne, Manini 13, Casali 22, Presentazi 5, Gerli 6, Baldrighi ne, Bolzoni ne.
All. Sabbia

CERNUSCO: Zonca ne, Ferraris ne, Beretta 2, De Conto 6, Mercante 27, Riva 9, Zanchetta 6, Antelli, Sirtori 7, Gorla 5, Guffanti 6, Campeggi 8.
All. Gandini