Le pagelle di Grissin Bon Reggio Emilia Vanoli Cremona

Pin It

 

Vanoli Cremona
6 Andrea Amato
solo 4 minuti nei quali firma un 2 punti e serve un assist. Poco spazio, con la Vanoli che si affida soprattutto alla coppia di esterni Carlino-Holloway
6.5 Fabio Mian
Molto positivo nel primo quarto in difesa, aspetto nel quale riesce sempre a fare la differenza con costanza e precisione. In attacco incide senza strafare, il suo minutaggio cala nel corso della partita con Lepore che preferisce giocare con la coppia di esterni piccoli. 
6 Raphael Gaspardo
Utilissimo in uscita dalla panchina dove si accoppia bene con i lunghi avversari. Con il suo atletismo trova giocate importanti nei 10 minuti in campo. Prezioso aver un giocatore così nel roster. 
7 Matt Carlino
Grande partita per l'esterno classe '93 che incide per precisione e affidabilità. Ottimo in regia dove innesca con i tempi giusti i propri compagni, pericoloso in fase realizzativa (12 punti) ben distribuiti tra tiro pesante e penetrazioni. I suoi tagli a canestro sono un rebus per Reggio che lo vede sempre depositare il pallone a bersaglio. Ottima intesa con Holloway, con il quale dialoga e dimostra affiatamento. 
8,5 Paul Biligha
Partita di assoluta intensità per Biligha che domina sotto i tabelloni nonostante i centimetri del duo Lesic-cervi. Annichiliti per cattiveria e agonismo, sono i due centri reggiani a soffrire l'atletismo e la potenza del centro biancoblù. In difesa è ovunque, copre benissimo l'area insieme a Thomas e anche in attacco trova giocate davvero di qualità. Ennesimo match da MVP
6 Elston Turner
in attacco fatica ancora a trovare ritmo ma il nuovo Turner è un giocatore che cerca maggiormente i compagni mettendosi al servizio del gruppo con buoni passaggi e una difesa positiva. In questo nuovo ruolo riesce ad essere efficace per tutto il gruppo. 
8,5 TaShawn Thomas: 
Insieme a Biligha gioca una partita difensivamente pazzesca, dimostrando che la partita di Varese non è stata un caso. In attacco è precisissimo (7/10 dal campo) unendo il suo solito dominio a rimbalzo. A Reggio tremano ancora i ferri per le sue potenti schiacciate, giocatore che in questo finale di girone ha alzato pesantemente il proprio livello di gioco. Fondamentale per questo gruppo, sta dimostrando di che pasta è fatto. 
7 Tu Holloway: 
metronomo del gruppo con Carlino riesce a dare ancora più geometrie a questa Vanoli. Bravo nel far girare la squadra, ottimo quando decide di accellerare trovando penetrazioni fulminanti e vincenti. Presente su tutti i palloni, come dimostrano i 3 recuperi e i 6 rimbalzi. Bravo perché riesce ad incidere senza per forza segnare 30 punti. 
6.5 Paul Harris
difensivamente sempre un grande lavoro, in attacco trova canestri importanti dimostrandosi davvero utile. Lavoro silenzioso, che non finisce sulle statistiche ma permette a Cremona di mettere in grande crisi Reggio Emilia. 

081__vanoli_varese__02012017.JPG

Reggio Emilia

5 Pietro Aradori 
nullo nel primo quarto poi esce per infortunio terminando anzitempo la sua partita. era l'uomo che poteva cambiare l'inerzia, siede in panchina per metà partita
5 Dereck Needham
Perde il duello con Holloway in regia dimostrandosi impreciso dalla distanza e lento anche nel muovere la palla. Incide poco, soprattutto in difesa e in regia. 
5 Achille Polonara
Non è al meglio e stringe i denti provando a dare la scossa alla sua squadra ma contro questa Vanoli c'è poco da fare
6 Delroy James
uno dei migliori di reggio, lotta e trova ottime giocate, chiudendo anche in doppia cifra. Poco supportato. 
6.5 Andrea Denicolao
Il migliore di reggio per efficacia in attacco e spirito agonistico. Prova a dare più volte la scossa alla sua squadra ma le sue iniziative sono solitarie contro una Cremona che punisce ad ogni  tentativo di rimonta reggiano. 
4 Riccardo Cervi: 
Tanto alto quanto inefficace, schiacciato dalla morsa del duo Thomas-Biligha che di lui fa quel che vuole. Lento, Impacciato e in perenne difficoltà soffre i lunghi di Cremona che lo sotterrano
4 Sava Lesic
si potrebbe fare copia-incolla di quanto scritto per Cervi. Il doppio centro di menetti esalta al contrario le caratteristiche dei lunghi biancoblù che brillano e spiccano per cattiveria e agonismo
6

Arturs Strautins

in una serata difficile come questa si mette in mostra con qualche buona giocata. Chiude in doppia cifra, bravo a cogliere l'occasione.