fbpx Privacy Policy

Bentornata Vanoli…

Vanoli

Mentre seguivo gli ultimi minuti di gara col risultato ormai in ghiaccio (a proposito; mica l’ho capito quel time out chiamato da Bulleri a 100 secondi dalla sirena sotto di 15…mah!) mi sono sovvenuti un sacco di flashback, tutti risalenti alla tremenda estate passata nell’attesa di sapere se ci sarebbe stata ancora la “nostra “ Vanoli.

L’annuncio del presidente, l’addio repentino anche troppo di sapete chi, pezzi di società che si staccavano come i monconi di quei vecchi cornicioni delle case d’epoca, parte di popolo vanoliano che, dimenticando cosa gli è toccato passare, si scagliava contro il presidente reo secondo loro di non fare abbastanza (da statuetta quel: “vende due Ferrari e salva la squadra” che ho sentito pronunciare da un po’ di persone, alcune delle quali decisamente insospettabili), ma anche slanci di generosità, alcuni commoventi (la statuetta qui va alla lettera pubblicata da La Provincia, toccante nella sua semplicità, di Angela, lei si vera ultrà…), e continui attestati di stima e di solidarietà per un uomo che ha dato tanto al basket cremonese ma che si sentiva in qualche modo tradito da un mondo patinato e opportunista che non è mai stato del tutto suo.  

vanoli-varese06.jpg

Poi mi sono sovvenuti pure i giorni della speranza, il buzzer beater dei fratelli Corazzi, il record mondiale di costruzione roster stabilito dalla premiata ditta Portaluppi & Co Ltd, i primissimi allenamenti condotti da un coach che i più ritenevano troppo giovane, e perciò inadatto, a compiere il miracolo. Eh si, miracolo perché i soliti espertoni di basket, anche nostrani, sentenziavano già di una stagione alla Pesaro dell’anno scorso.

Indi le prime partite ufficiali nelle quali solo pochi (e stavolta nel gruppo ci si mette dentro il Ciranone vostro) avevano intravisto quel quid di talento e di predisposizione che sarebbero potuti servire alla bisogna.

Il tremendo esordio in campionato con l’asfaltata di Trieste e  la seconda con Venezia nella quale solo i soliti, e purtroppo non pochi, ciechi di Sorrento non avevano notato i progressi arrivati grazie alla prima settimana intera di allenamenti dei regàs tutti assieme. E giù di “Mian è un ex giocatore, anzi non lo è mai stato”; “Poeta è bollito; non ce la fa a giocare più di 5/7 minuti”; “occorre un centro perché Lee non regge la seria A”; fino al tormentone: “T.J. Williams non è un play” ecc. ecc,

vanoli-varese05.jpg

Infine i commenti sul dopo sacco di Bologna sempre dei soliti noti. Ve li risparmierei riassumendoli tutti col loro comune denominatore: “è stata un gran botta di culo”, ma non posso esimermi dal citarne uno che mi fa scompisciare ancora adesso: “farsi rimontare 21 punti in un quarto; Vanoli deludente” (sic!).

Tutte ste faccende avevano a loro volta un comune denominatore; sia i detrattori che gli speranzosi pensavano sotto sotto che comunque la “loro” Vanoli, quella degli ultimi anni che aveva fatto gonfiare il petto al popolo vanoliano, non sarebbe più tornata.

Ma mentre mi passavano sti pensieri nella cervice, e ripensando allo spettacolare primo tempo messo giù stasera della Vanoli, mi è apparso nel solito neurone di nord-ovest un “la Vanoli è tornata”; frase che probabilmente ha avuto sul Ciranone vostro lo stesso effetto di quel “in hoc signo vinces” apparso all’imperatore Costantino prima della battaglia di Ponte Milvio nel 312 d.c.

vanoli-varese03.jpg

Popolo vanoliano, io faccio fatica a ricordare un primo tempo della Vanoli come quello visto stasera; mi sono andato velocemente a spulciare pure l’archivio, incastonato nel mio personal computer, di undici anni di serie A raccontati dai nostri (ora nostro perché ne è rimasto solo uno) quotidiani locali ma di primi tempi di siffatta fattura non ne ho trovati.

Difesa perfetta con i continui raddoppi su Scola (6 punti il suo score nei primi venti minuti) che però non hanno avuto l’effetto di altre occasioni nelle quali si liberavano praterie per gli altri tiratori varesini. Alla fine Strautins e Scola ne mettono rispettivamente 18 e 24 ma a babbo ormai clamorosamente stramorto, e l’altro pericolo pubblico numero 1, Douglas, ne mette solo due arrivati peraltro grazie ad un regalo di Peppe Poeta che, nella circostanza, ha dimostrato di avere un gran cuore.

E come nel sacco di Bologna, la difesa perfetta aiuta un attacco che ha dimostrato di avere diverse e micidiali bocche da fuoco; Daulton “W.A.S.P.” Hommes orami è una sentenza, la neonata coppia Willy & Willy (T.J. e Gervasio Williams) lo sta diventando e Fabio “Hercules” Mian in due partite ha bellamente perculato tutti quei soloni che lo davano per finito.

vanoli-varese02.jpg

Faccio fatica a ricordare una Vanoli così, e questo significa proprio che la “nostra” Vanoli, quella che ci faceva appassionare, che ci faceva palpitare il cuore, quella che ci faceva cantare “dai cremò” a squarciagola, è tornata e ci fa di nuovo appassionare, ci fa di nuovo palpitare il cuore, ci fa di nuovo cantare “dai cremò” a squarciagola come stasera che si era poco più di duecento ma si sembrava in duemila.

Bentornata Vanoli!

Il che è bello e istruttivo (cit.)

CATTERINI ROSINO

Attrezzature, Arredo Bar, Cucine Professionali

Via S. Bernardo, 23L, CREMONA +39 03 724 533 56 catterinirosinosrl@gmail.com

  • Progettiamo piscine e wellness
  • Progettiamo il tuo angolo di relax
  • Abbiamo tutta l'esperienza per realizzare il tuo sogno
  • E forniamo tutta l'assistenza di cui hai bisogno
  • Ampia gamma di prodotti per il trattamento dell’acqua
  • Con te 12 mesi l'anno
  • Vieni a trovarci nello showroom di Vescovato
  • Abbiamo la miglior soluzione per ogni esigenza
Piazza Roma, 8/9 - VESCOVATO (CR). Tel. 0372 1939167 / 338 4267355
  • Laghetto

  • AstralPool

  • zodiac

Dove si progetta il tuo futuro
CONSULENZA GRATUITA PER MUTUO AL 100%
Silver Sponsor

CATTERINI ROSINO

Attrezzature, Arredo Bar, Cucine Professionali

Via S. Bernardo, 23L, CREMONA +39 03 724 533 56 catterinirosinosrl@gmail.com

Che tu guidi per Lavoro
per Passione
o per Piacere
da poco
con i Tuoi
O con chi Vuoi
Fallo senza pensieri
Affida le tue pratiche auto
a mani esperte
e goditi il viaggio
Via Bernardino Ricca, 7
26100 CREMONA
Tel. 0372 26227
 
 

IMPIANTI Elettrici.
Civili e Industriali.

Tel:335 5441771.

ASPIRAZIONE
Centralizzata

Tel:335 5441771.

AUTOMAZIONI
Cancelli e Portoni.

Tel:335 5441771.

CITOFONIA
e Videocitofonia

Tel:335 5441771.

ALLARMI
E ANTIFURTO

Tel:335 5441771.

SISTEMI
Videosorveglianza

Tel:335 5441771.

ANTENNE TV
e SATELLITARI

Tel:335 5441771.

IMPIANTI
FOTOVOLTAICI

Tel:335 5441771.

SISTEMI DI
ILLUMINAZIONE

Tel:335 5441771.

G.E.A.R
Impianti Elettrici

Tel:335 5441771.