1948-2018: Settant'anni, settanta storie. Così ti racconto l'Uisp

UISP
Pin It

Per il suo 70esimo anniversario, l'Uisp lancia una raccolta collettiva di storie e testimonianze. Protagonisti: società sportive e territorio. Parla M. Dugheri.

Quest’anno l’Uisp compie 70 anni! Un bel traguardo, una vita lunga di emancipazione e diritti attraverso lo sport. Proviamo a raccontarla attraverso le storie e le facce di alcuni suoi protagonisti? Storie esemplari di tutti i giorni, storie di territorio e di società sportive che sono il sistema nervoso di questa associazione.

L’idea è semplice: per partecipare basta un frammento, un ricordo scritto insieme ad un atleta o a un dirigente storico. Anche una foto o un video, un’intervista di poche battute. Una storia insomma. Dall’inizio dell’anno ne abbiamo raccolte e pubblicate alcune, come quella di Luigia Introini, di Milano, e del suo impegno di donna negli anni ’50 che attraverso lo sport ha trovato emancipazione e affermazione personale. O quella di Maria Grazia Pinna, sarda trapiantata a Firenze, che attraverso l’Uisp divenne la prima donna arbitro di calcio negli anni 70. Altre storie le trovate qui

Settanta anni sono un bel traguardo – commenta Mauro Dugheri, responsabile Uisp dei rapporti con le società sportive - una vita lunga, anche travagliata, fatta di speranze, di passione, di successi e di ferite, di battaglie portate avanti con sacrificio e determinazione, per l’affermazione di diritti attraverso lo sport. Tutti coloro che ne hanno fatto o ne fanno parte, possono a ragione dire che non hanno solo partecipato ma sono stati protagonisti di un pezzo importante della storia del nostro Paese. Vorremmo lasciare una traccia, un segno permanente di questo traguardo, dando la parola a coloro che la Uisp continuano a farla vivere, a farla essere ancora elemento essenziale della vita sociale, a promuovere sport, benessere, socialità, solidarietà, integrazione e molto altro

Vi chiediamo di aiutarci a completare questa galleria da trasmettere ai giovani, come esempio di determinazione e di cittadinanza attiva. Valori sociali ed educativi che lo sportpertutti Uisp sa raccogliere e trasmettere. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: Comitati regionali e territoriali Uisp, Strutture di attività ad ogni livello e soprattutto società sportive. Ci rivolgiamo ai loro dirigenti, ai loro associati che quotidianamente, affrontando questioni sempre più complesse, si misurano con i nuovi disagi di una società in trasformazione e rendono concrete le proposte, le idee, le elaborazioni di politica associativa sulle quali continuiamo a confrontarci.

Raccontate il vostro protagonismo – prosegue Dugheri - le vostre storie, quelle che ritenete più particolari e interessanti, in maniera trasversale, raccontate un’emozione scrivendola in una pagina o ritraendola nella foto di un volto, un’azione, di uno o più protagonisti del vostro passato o del vostro presente, una immagine significativa del vostro lavoro, per lasciare nel tempo una testimonianza della vita e dell’impegno della nostra base associativa

Potete inviare le vostre storie, foto, video (o anche idee da sviluppare insieme) a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro il 30 ottobre 2018. Fra tutte quelle che perverranno, le 70 più originali e significative verranno raccolte e divulgate all’interno e all’esterno dell’associazione, anche attraverso una specifica pubblicazione per lasciare nel tempo una testimonianza della vita e dell’impegno della nostra base associativa. (E.F.)