Una salvezza, due padri

Pin It

 

Una salvezza figlia di due allenatori diversi che, in piena filosofia taoista, sono risultati complementari. Attilio Tesser ha svolto egregiamente la prima parte del lavoro, nel girone d'andata la Cremonese era una squadra solida e divertente, che non si faceva problemi a giocare con le due punte e il trequartista. Sprazzi di bellissimo calcio e piena zona playoff. Poi, qualcosa si è rotto: tanti infortuni, probabilmente anche altro. Ma The show must go on, parola dei Queen. Lo spettacolo, inteso come la permanenza in B della Cremo, deve continuare. Vero, come cantano sempre i Queen, inside my heart is breaking, ci si è spezzato il cuore per l'esonero di Tesser. Ma Mandorlini ha finito il lavoro, impresa difficilissima con un gruppo a pezzi moralmente e fisicamente, dopo un girone senza vittorie. 

Grazie ad entrambi.